1. PREMESSA GEOLOGICA DI CARATTERE GENERALE

 

 DAL PALEOZOICO AD OGGI

Nell’era Paleozoica o Primaria , l’ Europa, il Mare Mediterraneo, l’Italia non esistevano , tutte le terre del globo erano raggruppate in un'unica grande massa detta Pangea (da due termini greci che significano «tutta la terra») circondata da un unico grande oceano detto Panthalassa (dal greco « il grande mare»), poi lentamente in era Mesozoica o Secondaria si vennero formando due grandi continenti uno a nord, chiamato «Laurasia», che comprendeva le terre destinate a diventare l'America settentrionale, l'Europa e gran parte dell'Asia e l'altro sistemato a sud, chiamato «Gondwana», che comprendeva le terre che avrebbero formato l'America meridionale, l'Africa, l'Antartide, l'Australia e l'India. Fra questi due enormi blocchi di terre emerse s’insinuava un oceano sterminato chiamato Tetide, o Mare mesogeo, esteso dall'attuale Mediterraneo fino all’Indonesia. Circa 200 milioni d’anni fa i due grandi blocchi iniziarono a frammentarsi in continenti più piccoli, che sarebbero“andati alla deriva” verso le loro posizioni attuali ( Teoria di Wegener e Tettonica a placche o a zolle). Intorno a 60 milioni d’anni fa, nell’era Cenozoica o Terziaria, la collisione della zolla africana con quella europea, vale a dire fra due grossi blocchi di crosta terrestre, provocò la compressione del materiale roccioso che costituiva il fondale di un bacino oceanico, situato fra la paleo-europa e una propaggine dell'Africa occidentale (fig. sotto). Piegati, spezzati, accavallati, arricciati e anche sovrascorsi gli uni sugli altri per lunghissimi tratti, questi materiali rocciosi diedero origine ai primi rilievi alpini che si completarono durante il Miocene assumendo l’aspetto definitivo delle attuali Alpi e Prealpi. Alla scala dei tempi umani le uniche manifestazioni tangibili ai giorni nostri di questi grandiosi processi geologici sono costituite dalle eruzioni vulcaniche e dai terremoti, alle volte con effetti disastrosi .Infine nell’era Neozoica o Quaternaria, iniziata solo 1,7 milioni d’anni fa, la catena alpina si ammantò a varie riprese di ghiacciai fino agli sbocchi delle maggiori vallate con un forte raffreddamento climatico. L’alternarsi di periodi freddi e caldi provocò nella fauna e nella flora terrestre notevoli variazioni come la migrazione di faune da un continente ad un altro conducendo infine alla situazione che oggi conosciamo. L’era Quaternaria è dunque quella che fa da”trait d' union” tra il passato e il presente; è la nostra era, l’era dell’uomo, poiché in quest’intervallo la specie umana si è diffusa in ogni angolo del pianeta , organizzandosi culturalmente e socialmente. Eccoci giunti finalmente ai nostri giorni, all’amata vallata, con le strade serpeggianti tra il verde dei boschi, alimentata dalle acque del Brembo e dai suoi numerosi affluenti, con le sue rocce sollevate, ripiegate, spostate e fratturate, con i suoi colori e profumi, variabili di stagione in stagione. Godiamocela, almeno per il momento, visto che, vivendo al tempo geologico, tra cinquanta milioni d’anni le nostre montagne saranno ridotte a morbide colline!

 

                                                                                                                                           

 

                                                                                QUADRO RIASSUNTIVO DELLE ERE GEOLOGICHE

 

Ere

Periodi

Inizio periodi in mil. di anni

Eventi paleobiologici

Eventi paleogeografici

Era Neozòica

Olocène

0.01

Comparsa

Glaciazioni

Era dell’uomo

Pleistocène

1.7

dell’uomo

 

 

 

Pliocène

5,2

Prime praterie di erba

Continua la deriva dei continenti, formando le terre che oggi conosciamo,

Era Cenozòica

Miocène

23

Sviluppo ed evoluzione di uccelli e piante a fiore

Si formano le più alte catene montuose esistenti al mondo.

Era dei Mammiferi

Oligocène

35

Sviluppo ed evoluzione dei mammiferi

 

 

Eocène

56

 

 

 

 

 

Era Mesozoica

Cretàceo

144

Scomparsa dei grandi rettili ,ammoniti ,belemniti

Inizia il frazionamento dell’enorme continente della Pangea : due grandi masse continentali Laurasia e Gondwana separate dal Mar di Tetide.

 

Piante a fiore e frutto

 

206

Primi mammiferi e uccelli

Giuràssico

Sviluppo ed evoluzione dei rettili :

Era dei Rettili

dinosauri,ittiosauri e pterosauri

 

Belemniti

 

Sviluppo delle Ammoniti

 

Triàssico

 

Si rinnovano flore e faune

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

248

 

 

 

 

Permiano

290

Scomparsa dei trilobiti ed molte altre specie

Le masse continentali effettuarono migrazioni notevoli e si ricomposero in un’unica massa detta Pangea , circondata dal grande oceano ,la Panthalassa.

 

 

 

 

 

Carbonifero

362

 

 

Devoniàno

400

Primi rettili

Era Paleozoica

Siluriàno

418

Primi anfibi

 

Ordoviciàno

495

 

 

Cambriàno

 

Primi insetti                             Primi pesci

 

 

Prime piante terrestri -prime foreste

 

 

Nautiloidi Tetracoralli

 

 

Trilobiti,Artropodi

 

 

Echinidermi

 

570

 

 

 

Precambriàno (durata di 4.030 ma )Comprende il tempo geologico antecedente all' inizio dell' era paleozoica ,circa il 90% di tutto il tempo geologico .

4.600

Primi organismi pluricellulari

Posizione terre e

mari sconosciuta.

(alghe,poriferi,

 

celenterati,anellidi,

 

brachiopodi,molluschi)

 

Primi organismi unicellulari procarioti (3800 ma)

 

 

 

 

                                                                                                                                                Torna pagina iniziale

 

                                                                                                                       Continua